Decluttering Natalizio o da trasloco

Oggi riflettevo (leggendo le stories di una mamma come me su Instagram), sulla quantità di giochi che possiedono, i miei bimbi. Quintali di giocattoli, interi o a pezzi, che bivaccano nella loro stanza. Fino al trasloco che abbiamo fatto, condividevano una camera abbastanza grande ed era stracolma di giochi, poi, poichè i mobili sarebbero andati  a deposito, abbiamo deciso che molti di loro avevano fatto il loro tempo e andavano salutati.

Come fare il decluttering (anche conosciuto come “no mamma con quello ci gioco ancora”) senza traumi?

In realtà, nonostante ne abbia fatto uno veramente drastico, non l’ho ancora capito perfettamente, ma so che quando arriva il momento, una mamma riesce.

In genere il momento arriva verso Natale, oppure, quello definitivo durante un trasloco.

A Natale utilizzeremo l’alibi del “riceverete una quantità di regali, talmente grande che…non avremo spazio”, col trasloco sarà un po’ più complicato, perchè si toglie senza aggiungere.

Vi ritroverete a far sparire i giochi di notte, a convincerli che quel My Little Pony nella loro vita non c’è mai stato, che il fratello ha distrutto l’amato castello di Cenerentola pochi secondi prima. Tutte bugie a fin di bene, sì il vostro. Basta maratone infernali a recuperare palline, macchinine, spazzole, Else di Frozen sparse in giro. Meno giocattoli, meno caos.

Quindi, anche voi, madri di accumulatrici seriali di teste di Barbie, di appassionati di auto da corsa su tre ruote, rimboccatevi le maniche e create spazio. Poi, se i giocattoli sono in buone condizioni ma non più adatti alla loro età, avete una doppia scelta

  • per le più coraggiose : tenerli per il prossimo bimbo (alla prima ecografia del sesso poi deciderete )
  • per le altre : regali solidali, ci sono sicuramente bambini meno fortunati dei nostri

Noi, intanto, vorremmo fare un appello a Rainbow Dash

Non ci volevamo liberare di te. Torna.

Autore dell'articolo: MammAttiva